domenica 29 aprile 2012

MATRIMONIO





La lettura è un elemento di findamentale importanza. Essa mantiene l'elasticità mentale e favorisce la costruzione di immagini interne in riferimento a cio' che le parole trasmettono alla mente. Una delle mie letture preferite è quella di Gibran "Il profeta". Nel testo si possono ritrovare esempi di vita quotidiana e riflessioni importanti come quella del Matrimonio. Rifletto su questa magica unione...



Allora Almitra parlò di nuovo e disse: Che cosa puoi dirci del Matrimonio, maestro?...
Ed egli rispose, dicendo:
Voi siete nati insieme, e dovrete sempre stare insieme.
Starete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
Sì, starete insieme anche nella memoria silenziosa di Dio.
Ma che ci siano spazi nel vostro stare insieme, 
E che i venti del cielo danzino tra di voi.
Amatevi vicendevolmente, ma il vostro amore non sia una prigione:
Lasciate piuttosto un mare ondoso tra le due sponde delle vostre anime.
Riempitevi la coppa uno con l'altro, ma non bevete da una sola coppa.
Scambiatevi a vicenda il vostro pane, ma non mangiate dallo stesso pane.
Cantate insieme e danzate e siate allegri, ma che ciascuno sia solo.
Come le corde di un liuto, che sono sole, anche se vibrano per la stessa musica.
Datevi il vostro cuore, ma non lo date in custodia uno dell'altro.
Perché solo la mano della Vita può contenere i vostri cuori.
E state insieme ma non troppo vicini:
Poiché le colonne del tempio sono distanziate,
E la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra dell'altro.


Il Profeta
di
Kahlil Gibran



E voi, credete in questa unione?

8 commenti:

  1. io si.... è mia moglie che nn ci crede XD

    RispondiElimina
  2. E' bello leggere Gilbran ( a piccole dosi...) Sì, sono del tutto d'accordo dopo, vediamo un po', 49 anni di matrimonio. Arrivo perfino a dire che una iperfedeltà piena di tensioni, neanche quella va bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua simpatia è trasparsa :) complimenti per i vostri 49 anni insieme!

      Elimina
  3. In un matrimonio si deve saper rispettare l' IO e il TU

    RispondiElimina
  4. E' una poesia commovente, come quasi tutte quelle di Gibran. Io non sono ancora sposato, però mi immagino il matrimonio proprio come Gibran lo descrive. Splendida l'immagine delle corde del liuto, che sono diverse, ma creano una sola musica.

    RispondiElimina
  5. Che testo emozionante!!!!! mi sono commossa.... sono concetti meravigliosi!!!!

    RispondiElimina

...e voi? cosa ne pensate?